Bacheca sindacale

Bacheca sindacale aggiornata al 2 dicembre 2020

Dicembre 2020

IL GIORNALE DELLA FLC CGIL DI MONZA E BRIANZA: NOVEMBRE 2020

Novembre 2020

Disegno di Legge di Bilancio 2021: le nostre schede di lettura - FLC CGIL

Il 18 novembre il Governo ha presentato presso la Camera dei deputati il ddl 2790 relativo al Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2021 e al bilancio pluriennale per il triennio 2021-2023. Successivamente, il Presidente della Camera ha disposto il 20 novembre lo stralcio di ben 26 articoli e di 5 commi relativi ad altri articoli considerati estranei all’oggetto del disegno di legge di bilancio, così come definito dalla legislazione vigente in materia di bilancio e contabilità dello Stato. Da questo stralcio è scaturito il ddl 2790-bis che è il testo su cui si avvierà la discussione in Parlamento.

Il quadro delle risorse finanziarie messe in capo nei settori della conoscenza dalla sezione I del ddl è riassunto in una tabella.

Si tratta, a ben vedere, di interventi settoriali che sono ben lontani dal delineare un reale e significativo cambio di rotta rispetto alle scelte politiche degli ultimi anni sui settori della conoscenza.

Sul nostro sito proponiamo una serie di schede di lettura del disegno di legge analizzando singolarmente ogni proposta normativa ed esprimendo su ognuna di esse una nostra valutazione e avanzando specifiche proposte.

Continua a leggere la notizia

Scarica le schede di lettura del disegno di legge

AppuntiEffelleci Flc Cgil Mantova n. 72 del 27/11/2020

AppuntiEffelleci Flc Cgil Mantova n. 71 del 26/11/2020

AppuntiEffelleci Cgil Mantova n. 70 del 25/11/2020

Scuola e legge di bilancio 2021 - Flc Cgil

Il Ministero dell’Istruzione, tenendo fede agli impegni sottoscritti con l’Intesa del 9 novembre, ha incontrato le organizzazioni sindacali il 18 novembre per discutere del contenuto della legge di bilancio, licenziata dal Consiglio dei Ministri, e in via di discussione in Parlamento.

In apertura della riunione, il Ministero ha illustrato gli impegni di spesa per la scuola, attualmente nel disegno di legge.

L’incontro con i sindacati è stato positivo nel metodo, segno di una disponibilità al confronto. Tuttavia, riteniamo che i fondi messi in campo dalla legge di bilancio siano ancora lontani dalle reali necessità per il rinnovo del contratto e per la riqualificazione del sistema scolastico.

Il documento con l’analisi dettagliata delle principali criticità su cui investire e le nostre proposte può essere scaricato a questo indirizzo.

Continua a leggere la notizia.

Commento di Francesco Sinopoli.

AppuntiEffelleci Flc Cgil Mantova n. 69 del 20/11/2020

AppuntiEffelleci Cgil Mantova n. 68 del 19/11/2020

USB Scuola: sciopero 25 novembre

USB scrive al Ministero dell’Istruzione perché garantisca la sicurezza dei lavoratori in DAD

Assemblea Docenti - 30 novembre 2020 - ODG: Contratto Integrativo Nazionale su Didattica Digitale Integrata del 6-novembre-2020

Notiziario n° 14 - Fed. Gilda-Unams/SNADIR Lombardia

[Sindacato FederATA] Cessazioni dal servizio del personale scolastico dal 1°settembre 2021

Didattica digitale integrata:una scheda di lettura per fare chiarezza - FLC CGIL

Dopo la sottoscrizione dell’Ipotesi di Contratto collettivo nazionale integrativo (CCNI) sulla Didattica digitale integrata (DDI) da parte del nostro sindacato, il 9 novembre si è svolto un incontro, che abbiamo fortemente voluto, fra i sindacati e il Ministero dell’Istruzione.

L’obiettivo dell’incontro è stato di elaborare e firmare una Intesa politica su tutte le problematiche connesse alla DDI e che non potevano trovare posto, per precisi vincoli normativi, nel testo contrattuale. L’Intesa politica, sotto forma di dichiarazione congiunta, è stata sottoscritta da FLC CGIL, CISL Scuola e ANIEF. Leggi la notizia.

Contestualmente la nuova nota ministeriale 2020 del 9 novembre 2020, questa volta condivisa dai sindacati firmatari del CCNI, ha fornito una serie di chiarimenti. Ad esempio ha precisato: come vadano intese le pause durante lo svolgimento delle lezioni autogestite dai docenti (che non vanno recuperate); il luogo di lavoro da cui si può fare didattica a distanza (non necessariamente in presenza a scuola); il coinvolgimento delle RSU sui criteri generali per l’individuazione della sede di lavoro dei docenti. Leggi la notizia.

Su questi e altri aspetti, sul nostro sito abbiamo pubblicato una scheda di approfondimento dell’Ipotesi di CCNI e i principali contenuti della nota ministeriale.

Leggi o scarica la scheda.

Lunedì 9 novembre, inoltre, il Comitato direttivo nazionale del nostro sindacato (massimo organismo decisionale) ha disposto che si proceda alla consultazione delle lavoratrici e dei lavoratori sull’Ipotesi di CCNI sottoscritta. A partire dai prossimi giorni si terrà, dunque, una vasta campagna di assemblee nelle scuole. Ovviamente, le assemblee andranno indette in modalità “a distanza”, nel rispetto della normativa vigente per la prevenzione e il contrasto al COVID-19.

Comparto Istruzione e Ricerca – Sezione Scuola Sciopero generale nazionale intera giornata del 25 novembre 2020

Incontro streaming 11 novembre - “La scuola in pandemia: annullamento del concorso, stabilizzazione immediata del precariato, DaD" - USB

Mercoledì 11 novembre alle 17 USB Scuola discuterà della sempre più complessa situazione del precariato docenti, tra la sospensione di un concorso avviato in piena pandemia, le incertezze che ne conseguono, la necessità sempre più avvertita di un immediato percorso di stabilizzazione dei precari attraverso un concorso per titoli e servizi, e dell’attivazione della DDI e della DaD attraverso un contratto integrativo che non regolamenta nulla delle principali materie che devono essere normate. Su ognuno di questi temi USB Scuola sta mettendo in campo proposte e momenti di mobilitazione - fino allo sciopero congiunto scuola-sanità-trasporti del prossimo 25 novembre.

Occorre costruire la forza per ottenere il rispetto dei diritti fondamentali e tra loro non alternativi alla salute, alla sicurezza, all’istruzione, al lavoro, al reddito.

Ne parleremo con Luigi Del Prete e Dario Furnari dell’Esecutivo Nazionale USB Scuola, con l’on. Alessandro Fusacchia, membro della Commissione Cultura della Camera, con l’on. Lorenzo Fioramonti, membro della Commissione Bilancio della Camera ed ex Ministro dell’Istruzione, con il sen. Francesco Verducci, vicepresidente della Commissione Cultura al Senato, con l'on. Nicola Fratoianni, vicepresidente della Commissione Cultura alla Camera, e con Antonio Riccio, docente precario.

Aggiorneremo tempestivamente nel caso in cui altri invitati al dibattito confermeranno la loro presenza.

Appuntamento per mercoledì 11 novembre alle ore 17 per la trasmissione in streaming, che potrà come sempre essere seguita sul nostro sito scuola.usb.it, sulla nostra pagina facebook USB P.I. – Scuola e sul nostro canale Youtube USB Scuola che consentono la possibilità di interagire con i relatori attraverso domande e messaggi.

Le nuove disposizioni per la scuola a seguito del DPCM del 3 novembre - FLC CGIL

Il Ministero dell’Istruzione, con la nota 1990 del 5 novembre 2020, ha fornito alle scuole le indicazioni applicative del DPCM del 3 novembre 2020 che, a seguito dell’aumento della diffusione dell’epidemia da COVID-19, ha disposto nuove e più severe misure di sicurezza a tutela della salute dei cittadini. Dette misure sono valide dal 6 novembre fino al 3 dicembre e valgono per l’intero territorio nazionale.

Per quelle aree del Paese caratterizzate da uno scenario di elevata gravità e da un alto livello di rischio sono previste misure di contenimento più restrittive.

Sul nostro sito le principali misure per la scuola con alcuni chiarimenti aggiuntivi contenuti nella nota ministeriale.

Continua a leggere la notizia.

 AppuntiEffelleci Cgil Mantova n. 66 deli'8/11/2020

AppuntiEffelleci Flc Cgil Mantova n. 65 del 5/11/2020

USB Scuola: assemblea sindacale 9 novembre DDI, sicurezza, orario di servizio

Posizione Unitaria Contrattazione Bonus Personale Scolastico - CGIL CISL UIL SNALS

Ottobre 2020

 IL GIORNALE DELLA FLC CGIL DI MONZA E BRIANZA: OTTOBRE 2020

Investimenti in istruzione. Incontro tra la Ministra Azzolina e i sindacati scuola - FLC CGIL

Si è tenuto venerdì 30 ottobre l’incontro fra la Ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina ed i sindacati confederali e di categoria. La nostra delegazione era costituita dalla vicesegretaria CGIL, Gianna Fracassi, e dal segretario generale FLC CGIL, Francesco Sinopoli. (leggi il comunicato stampa congiunto).

CGIL e FLC CGIL chiedono il massimo sforzo per garantire la scuola in presenza, impegno per investimenti straordinari e coinvolgimento delle organizzazioni sindacali per tutto quel che concerne il rapporto di lavoro del personale e il funzionamento della scuola. Continua a leggere la notizia.

Nella stessa giornata di venerdì si anche tenuto l’incontro tra Ministero dell’Istruzione e sindacati del Tavolo permanente per l’applicazione del protocollo sulla sicurezza nella scuola. Continua a leggere la notizia.

[Sindacato FederATA] A TUTTO IL PERSONALE ATA DELLA SCUOLA UN GRAZIE SPECIALE

AppuntiEffelleci Flc Cgil Mantova n. 63 del 29/10/2020

Impossibile partecipare al concorso straordinario per Coronavirus: tuteliamoci! - USB SCUOLA

Nonostante il nuovo DPCM, le strette sulla vita lavorativa e sociale di ciascuno, l’avvio della DaD nelle scuole di II grado, minacce di lockdown più o meno ampi nel territorio nazionale, il concorso straordinario prosegue.

Molte le assenze registrate. E non assenze solamente per paura dei contagi, ma assenze giustificate da isolamenti fiduciari o casi di positività al virus.

Per tutelare il diritto dei docenti precari alla stabilizzazione, USB Scuola propone di utilizzare il modulo in allegato, compilandolo scrupolosamente e allegando la documentazione del medico di base e/o della ASL che attesti che nel giorno della prova si sia in situazione oggettiva di impossibilità a partecipare. Contestualmente invitiamo a compilare il modulo https://bit.ly/2TsW25g così da essere informati sugli strumenti sindacali e legali che USB Scuola mette a disposizione delle e dei docenti che stanno affrontando un momento di grande difficoltà personale e lavorativa.

AppuntiEffelleci Flc Cgil Mantova n. 62 del 22/10/2020

Scuola: esito incontro sulla nota applicativa del nuovo DPCM - Flc CGIL

Convocato in via d’urgenza, si è svolto alle 17.30 di lunedì 19 ottobre 2020 in videoconferenza un incontro fra Ministero dell’Istruzione e Sindacati sulle nuove misure varate dal Governo in materia scolastica.

Nel corso dell’incontro è stato illustrato il contenuto della nota 1896 del 19 ottobre 2020 applicativa del DPCM varato nella tarda serata del 18 ottobre 2020.

Inoltre, è stato annunciato che nella giornata di martedì 20 ottobre si aprirà il tavolo di trattativa sulla didattica digitale integrata che da tempo è stato richiesto dai sindacati.

Continua a leggere la notizia

Lavoratori fragili ATA - FLC CGIL

#ATAnews è una rassegna specificatamente dedicata dalla FLC CGIL nazionale al personale ATA. Propone periodicamente un riepilogo correlato alle notizie più significative, pubblicate sul sito nazionale per valorizzare la collocazione dei lavoratori ATA nella vertenza generale sulla professionalità e sul contratto. È un resoconto centrato sulle nostre attività politico-sindacali-legali e sui risultati ottenuti.

In questo numero ci soffermiamo con un approndimento sui “lavoratori fragili”, in particolare appartenenti ai profili ATA.

Scarica il n. 8/2020.

UIL SCUOLA LOMBARDIA -ALL'ALBO SINDACALE - NOTIZIARIO INSEGNANTI DI RELIGIONE - N. 5 OTTOBRE 2020

AppuntiEffelleci Flc Cgil Mantova n. 61 del 15/10/2020

AppuntiEffelleci Flc Cgil Mantova n. 60 del 13/10/2020

 

Comparto Istruzione e Ricerca – Sezione Scuola Sciopero generale del 23 ottobre 2020 di tutte le unità produttive pubbliche e private.

 

AppuntiEffelleci Cgil Mantova n. 59 del 10/10/2020

 

Comunicato SGB SCUOLA

 

Presidio del 14 ottobre - CGIL

 

“Decreto agosto”, via libera del Senato al maxi emendamento - FLC CGIL

Il Senato ha dato il via libera al maxi emendamento che contiene le modifiche al decreto legge 104/20, il cosiddetto decreto di agosto, apportate in sede di conversione.

Tra le misure positive approvate l’eliminazione del licenziamento per l’organico COVID in caso di nuovo lockdown, risorse per l’edilizia scolastica, tutele per i lavoratori fragili. Negativa la messa in discussione degli incarichi sui posti di Dsga. Il testo ora alla Camera.

Continua a leggere la notizia.

 

AppuntiEffelleci Flc Cgil Mantova n. 58 del 08/10/2020

 

 [Feder.ATA] Comunicazione inaugurazione nuova Sede di FederATA provincia di Varese 7/10/2020

Domani 7 Ottobre 2020 alle ore 15:00 in via Amendola, 13 Saronno (VA) Zona centrale, si terrà l'inaugurazione della nuova Sede del sindacato Feder.ATA della provincia di Varese; saranno presenti, oltre al Segretario provinciale Gerardo Fania e i  componenti del coordinamento, il Presidente nazionale Giuseppe Mancuso e il responsabile nazionale del Dipartimento CAF.  

 

AppuntiEffelleci Flc Cgil Mantova n. 57 del 01/10/2020

 

Settembre 2020

IL GIORNALE DELLA FLC CGIL DI MONZA E BRIANZA: SETTEMBRE 2020

 

AppuntiEffelleci Flc Cgil Mantova n. 56 del 24/09/2020

 

 

 

Logo FLC CGIL

In piazza il 26 settembre per una politica che promuova la scuola

Fare di istruzione e formazione temi centrali nelle scelte di investimento, a partire dalla destinazione delle risorse del recovery fund. Rinsaldare l’alleanza tra scuola e società, riconoscere al lavoro nella scuola dignità e giusto valore, anche al fine di rendere più attrattiva la professione del docente, garantire su tutto il territorio nazionale edifici scolastici sicuri e adeguati a una didattica innovativa, rimuovere alla radice le cause di un divario digitale legato a insufficienze nella dotazione di dispositivi e nella rete di connessione, supportare efficacemente le istituzioni scolastiche sotto il profilo dei presìdi igienico sanitari per consentire uno svolgimento in sicurezza delle attività didattiche, evitando il rischio di nuove chiusure.

Queste, insieme alla necessità che si completino nel più breve tempo possibile le nomine del personale docente e ATA - con le dovute garanzie di legittimità e riconoscimento di diritti lavorativi e sindacali - al fine di permettere un funzionamento a pieno regime delle scuole, sono le ragioni che hanno indotto FLC CGIL, CISL Scuola, UIL Scuola RUA, SNALS Confsal e GILDA Unams a essere presenti a Roma, in piazza del Popolo, sabato 26 settembre, insieme ad altre espressioni associative delle famiglie e del mondo scolastico, alla manifestazione indetta dal comitato “Priorità alla scuola”.

Mentre Governo e Parlamento si apprestano a compiere scelte importanti da cui dipendono le prospettive di rilancio della crescita del Paese, diventa più che mai urgente intervenire sui tanti nodi che attanagliano da anni la scuola italiana, resi ancor più evidenti e intricati dall’emergenza pandemica.  Nodi che restano purtroppo irrisolti in avvio del nuovo anno scolastico, essendosi rivelata del tutto insufficiente l’azione di governo, contrassegnata da incertezze e ritardi anche nella finalizzazione delle risorse stanziate per rafforzare le dotazioni organiche, insieme a una gestione del reclutamento segnata da limiti e contraddizioni evidenti, con grave pregiudizio della stabilità del lavoro.

Non è il momento di ricorrere ad azioni di sciopero in questa fase, nella quale l’impegno si indirizza soprattutto a favorire il ritorno in sicurezza alle attività in presenza. Questa la linea di comportamento seguita in questa circostanza, con la scelta di essere presenti alla manifestazione promuovendo la più larga partecipazione del personale scolastico. È invece il momento di fare scelte coraggiose per combattere disuguaglianze, dispersione, precarietà, destinando parte consistente dei fondi “Next Generation Ue” ai luoghi dove le “prossime generazioni” dovranno crescere e formarsi. Per questo i sindacati saranno in piazza il 26 settembre, dopo aver riunito online il giorno precedente i propri organismi dirigenti. Su questo chiedono che si apra da subito una fase di intenso confronto con l’Amministrazione e il Governo, mentre sollecitano l’avvio dei negoziati per il rinnovo del contratto nazionale di lavoro scaduto nel 2018. È sulla base di ciò che saranno valutate le ulteriori mobilitazioni sindacali.

Scarica il volantino

 

Comparto Istruzione e Ricerca - Settore Scuola. Sciopero proclamato per il giorno 3 ottobre 2020

 

Richiesta pubblicazione posti personale ATA

 

Appunti Effelleci n°55 del 21/09/2020

 

AppuntiEffelleci Flc Cgil Mantova n. 54 del 18/09/2020

Convocazioni dei supplenti dalle graduatorie d’istituto: scheda informativa

Indicazioni utili sulle supplenze conferite dalle scuole.

 

Riferimenti normativi

Ordinanza ministeriale 60 del 10 luglio 2020 (Graduatorie provinciali per le supplenze (GPS) e graduatorie di istituto)

Nota ministeriale 26841 del 5 settembre 2020 (Circolare delle supplenze)

Ordinanza ministeriale 83 del 5 agosto 2020 (Ordinanza concernente le misure per la ripresa dell’attività didattica in presenza nell’anno scolastico 2020/2021 nel rispetto delle misure di contenimento dell’emergenza epidemiologica da COVID-19)

Le operazioni di conferimento delle supplenze annuali (31 agosto) o delle supplenze temporanee sino al termine delle attività didattiche (30 giugno) sono gestite da ciascun ambito territoriale provinciale.

Le graduatorie d’istituto sono utilizzate invece o in caso di esaurimento o incapienza delle GAE e poi anche delle GPS, oppure per le supplenze temporanee, tra cui rientrano anche gli incarichi dell’organico di emergenza, o “organico COVID” (di cui all’OM 83 5 agosto 2020).

Nomine dei supplenti art. 41 CCNL

In questi giorni, alla luce dei ritardi di nomina dei supplenti dalle GAE e dalle GPS, molte scuole hanno iniziato a convocare i supplenti per coprire le tante cattedre vacanti, con nomine stipulate secondo quanto stabilito dall’art. 41 del CCNL 2016/18.

“I contratti a tempo determinato del personale docente, educativo ed ATA devono recare in ogni caso il termine. Tra le cause di risoluzione di tali contratti vi è anche l'individuazione di un nuovo avente titolo a seguito dell'intervenuta approvazione di nuove graduatorie”.

Come avvengono le convocazioni degli aspiranti da GI

Le scuole convocano con la procedura informatica, che permette anche di riscontrare la situazione di occupazione totale o parziale degli aspiranti.

La convocazione riguarda solo coloro che siano parzialmente occupati o totalmente inoccupati.

La convocazione viene trasmessa via mail, per le supplenze pari o superiori a 30 giorni serve un preavviso di almeno 24 ore rispetto al termine utile per la risposta. Una volta individuato il docente che ha diritto alla supplenza e acquisita l’ accettazione questi ha 24 ore per la presa di servizio, salvo i casi previsti dalla normativa vigente (maternità o differimento per malattia, e altre condizioni previste dal contratto).

Differimento della presa di servizio

Il differimento va sempre comunicato, inoltre, ai sensi dell’art. 560 del Dlgs 297/94 se si assume  servizio  con  ritardo per giustificato motivo gli effetti economici decorrono  dal giorno in cui si prende effettivamente servizio, fatto salvo il caso del congedo per maternità, in questo caso la presa di servizio non è necessaria ai fini della produzione degli effetti economici.

Diritto al completamento

In caso di assenza di posti interi un supplente che sceglie un posto non intero ha titolo, in relazione alle posizioni occupate nelle varie graduatorie di supplenza, a conseguire il completamento d’orario. Questo può essere realizzato in una sola provincia, per un massimo di tre sedi scolastiche e due comuni. Il completamento può attuarsi anche mediante il frazionamento orario dei posti disponibili, salvaguardando in ogni caso l’unicità dell’insegnamento nella classe e nelle attività di sostegno.

Per realizzare il completamento si possono associare cattedre che abbiano una prestazione dell’orario omogenea, quindi anche cattedre relative a classi di concorso della secondaria di primo e secondo grado e può realizzarsi anche tra scuole statali e non statali.

Rinunce - mancata assunzione - abbandono del servizio

la rinuncia a una proposta contrattuale (o proroga o conferma) comporta per gli aspiranti inoccupati la collocazione in coda alla graduatoria di terza fascia relativa al medesimo insegnamento; la mancata risposta alla proposta equivale a rinuncia;

la mancata assunzione in servizio dopo l’accettazione comporta la perdita della possibilità di conseguire supplenze per il medesimo insegnamento in tutte le istituzioni scolastiche in cui si è inclusi nelle relative graduatorie;

l’abbandono del servizio comporta la perdita della possibilità di conseguire supplenze, conferite sulla base delle graduatorie di istituto, per tutte le graduatorie di inserimento.

Lasciare supplenza da GI per supplenze annuali e al 30/06 o 31/8

Il personale in servizio per supplenza conferita sulla base delle graduatorie di istituto ha comunque facoltà di lasciare tale supplenza per accettare una supplenza al 31 agosto o 30 giugno, resesi disponibili entro il 31/12. Quindi le supplenze che vengono conferite tramite GAE o GPS.

Organico di emergenza “COVID”, di cui all’O.M. 5 agosto 2020 n. 83

Per i contratti relativi al personale docente chiamato in forza dell’OM n. 83 si procede utilizzando le graduatorie di istituto.

I posti relativi hanno decorrenza giuridica ed economica dalla data di inizio delle lezioni o dalla effettiva presa di servizio e hanno durata fino al termine delle lezioni.

In caso di sospensione delle attività didattiche in presenza, i contratti di lavoro attivati si intendono risolti per giusta causa, senza diritto ad alcun indennizzo. In caso di cessazione della sospensione, alla ripresa dell’attività didattica in presenza, i predetti contratti sono riassegnati ai precedenti titolari, ove ancora disponibili, ai fini della continuità didattica e dell’economicità dell’azione amministrativa.

Per quanto concerne le eventuali assenze del personale di cui all’OM 83/2020, è consentita la sostituzione del personale così assunto dal primo giorno di assenza.

Part-time

E' prevista dal C.C.N.L. 2006-2009 la possibilità di stipulare contratti a tempo determinato con rapporto di lavoro a tempo parziale. A tale scopo gli interessati dovranno presentare apposita istanza al dirigente scolastico al momento della presa di servizio.

Diritti contrattuali (congedo, aspettativa, etc.)

La stipula del contratto, opportunamente perfezionata dal dirigente scolastico attraverso le funzioni del sistema informativo, rende immediatamente fruibili gli istituti di aspettativa e congedo previsti dal CCNL.

Fonte:http://www.flcgil.it/scuola/precari/convocazioni-dei-supplenti-dalle-graduatorie-d-istituto-scheda-informativa.flc

cordialmente

 

Flc Cgil Mantova

 

AppuntiEffelleci Flc Cgil Mantova n. 53 del 17/09/2020

 

CONFERMA scioperi 24 e 25 SETTEMBRE 2020

 

#ATAnews è una rassegna specificatamente dedicata dalla FLC CGIL nazionale al personale ATA. Propone periodicamente un riepilogo correlato alle notizie più significative, pubblicate sul sito nazionale per valorizzare la collocazione dei lavoratori ATA nella vertenza generale sulla professionalità e sul contratto. È un resoconto centrato sulle nostre attività politico-sindacali-legali e sui risultati ottenuti.

In questo numero ci soffermiamo con degli approndimenti sul ciclo di seminari di formazione svolti a fine luglio assieme ai lavoratori, ai dirigenti ARAN e a quelli del Comitato tecnico scientifico che, lo ricordiamo, supportano il Capo del Dipartimento della Protezione Civile nelle attività finalizzate al superamento dell’emergenza epidemiologica da Covid-19.

Scarica il n. 7/2020.

 

La scuola riparte, ma è importante non spegnere i riflettori sui suoi problemi - FLC CGIL

“Pur nell’estrema varietà delle situazioni delle nostre 8.094 scuole, la scuola riparte. C’è chi è in affanno e chi è pronto, chi ha già la mensa allestita per partire e chi invece dovrà aspettare, chi attende i banchi monoposto e chi ha dovuto usare la fantasia per riorganizzare, ma ogni scuola è tesa alla ripartenza. E tutto questo ci racconta del grande senso di responsabilità e dell’impegno straordinario dei dirigenti scolastici, degli insegnanti, dei collaboratori scolastici, delle famiglie e naturalmente degli studenti, che hanno fatto davvero ogni sforzo per riuscire a riaprire in presenza”. Così Francesco Sinopoli, segretario generale della FLC CGIL, intervenendo il 14 settembre all’Assemblea generale della Cgil.

“Come FLC CGIL - aggiunge il dirigente sindacale - sentiamo di dover ringraziare la comunità educante se, in tempi così faticosi e pieni di paure, si dà avvio ad un anno scolastico seppur pieno di insidie e problemi ancora non risolti. La scuola riparte perché ha una forza intrinseca straordinaria, la consolidata capacità di resilienza di oltre 1 milione di donne e uomini che la amano, che per essa hanno passione e rispetto, e per essa lottano ogni giorno, contro ogni difficoltà. È stato così nei mesi del lockdown, quando la chiusura ha imposto lezioni a distanza e ha fatto smarrire relazioni umane decisive. La scuola si è risollevata e ha risposto come poteva, con le poche armi che aveva”.

“Già ad aprile avevamo indicato la strada per riaprire in presenza e in sicurezza - sottolinea Sinopoli - investimenti in personale, in edilizia scolastica, procedure straordinarie per coprire quanto più possibile i posti liberi di docenti e Ata. Come era nostro compito, abbiamo denunciato la vistosa perdita di tempo prezioso, l’incapacità di rispondere all’emergenza delle cattedre vuote con l’assunzione di personale in modalità semplificata. In tutti questi mesi abbiamo lavorato per risolvere problemi concreti come il Protocollo per lo svolgimento degli esami di maturità in presenza, il Protocollo del 6 agosto per la riapertura di settembre, la soluzione del problema dei lavoratori fragili. Più volte l’abbiamo ribadito: la pandemia cambierà l’Italia e la sua scuola, ma occorre una soggettività diversa, diversa da quella che ha parlato finora di riforme epocali ignorando il protagonismo di chi la scuola la fa. Invece abbiamo assistito ad un congelamento delle relazioni sindacali, fino alla disgustosa accusa di essere ‘sabotatori’”.

“Oggi, nel giorno in cui la scuola riparte facciamo in modo che non si spengano i riflettori su di essa - conclude Sinopoli - eliminazione della povertà educativa nel sud e nei territori deprivati, generalizzazione della scuola dell’infanzia, aumento del tempo scuola, fine delle classi pollaio, edilizia moderna, banda ultra larga per ogni scuola, collocazione di un assistente tecnico in ogni scuola del primo ciclo e di un collaboratore scolastico in più per ogni plesso del Paese, risoluzione del problema del precariato con un concorso ogni tre anni per tutte le figure professionali e il riconoscimento dei diritti acquisiti per chi ha lavorato per tre anni da supplente coerentemente con la normativa europea. Queste le basi del programma per una scuola che inveri l’articolo 3 della Costituzione e che sosterremo con le lotte a partire dalla giornata di mobilitazione di Priorità alla scuola del 26 settembreSenza scuola non ci sono diritti.

La scuola è la priorità del Paese. Video intervista di Collettiva a Francesco Sinopoli

 

Comparto Istruzione e Ricerca – Sezione Scuola Scioperi per l’intera giornata dei giorni 24 e 25 settembre 2020.

 

Azioni di sciopero indette USB PI, UNICOBAS Scuola e Università, COBAS Scuola Sardegna e CUB Scuola Università e Ricerca (solo 25 settembre) riguardanti il personale docente, ATA, educativo e dirigente, a tempo determinato e indeterminato, in Italia e all'estero

 

Appunti Effelleci n°52 del 10/09/2020

 

Apertura relazioni sindacali contrattazione di istituto, a.s. 2020/21. Informazione preventiva e confronto (art.5 e 6 del CCNL 2016/18)

Le SS.LL. sono invitate a partecipare all’incontro che si terrà lunedì 14 settembre 2020 alle ore 15,00 con il seguente ordine del giorno:

1) Apertura relazioni sindacali contrattazione di istituto, a.s. 2020/21. Informazione preventiva e confronto (art.5 e 6 del CCNL 2016/18);

L’incontro avverrà a distanza attraverso la piattaforma Google Meet, digitando il seguente link:

meet.google.com/fcb-notb-ngr

Si allegano alla presente:

Informativa sui dati aggregati dell’attribuzione del bonus a.s. 19/20;

Utilizzo delle risorse (personale docente e ATA) a.s. 19/20

Tabella cattedre/organico

Informativa sulle materie di contrattazione

 

 

Indizione assemblea sindacale Unicobas, in modalita' online - 15 Settembre 2020 dalle h. 16.00 alle h. 18.00

 

 

Scuola: ancora troppi i problemi da risolvere, prima di tutto le cattedre vuote - FLC CGIL

Sono tanti i provvedimenti che mancano, a pochi giorni dall’inizio della scuola, per assicurare il rientro in sicurezza e garantire il diritto allo studio e non si tratta solo di mascherine e di banchi monoposto, anche se ad oggi ne abbiamo disponibili solo 100.000 su 2.400.000.

Siamo davanti innanzitutto all’enorme problema dei posti vuoti, effetto anche dell’impuntatura del Ministro Azzolina, che non ha voluto assumere con procedura semplificata il personale con tre anni di servizio per poi procedere successivamente alla sua selezione e che in tal modo ha allontanato la possibilità di avere 32.000 posti docenti in più coperti a settembre.

Dai decreti pubblicati sui siti ufficiali degli uffici scolastici regionali emerge che le immissioni in ruolo, ad oggi, sono poco più di 22.000 su un contingente di 85.000, meno del 30% dunque di quanto autorizzato, mentre le richieste per la call veloce come era largamente previsto, superano di poco le 2.000 unità.

Il numero delle supplenze per quest’anno forse non arriverà a 250.000 come sostiene Azzolina, ma di sicuro raggiungerà l’altrettanto spaventosa cifra di 200.000 unità.

Sono necessari provvedimenti straordinari sugli organici, anche su quello ATA, che, vista l’esigenza di costante igienizzazione richiesta dalla pandemia, va profondamente rivisto assicurando in ognuno dei 42.000 plessi scolastici italiani, almeno 1 collaboratore scolastico in più.

Per i docenti dell’organico aggiuntivo bisogna eliminare la stortura che ne consente il licenziamento senza alcun indennizzo in caso di didattica a distanza e superare le norme che impediscono di convocare un supplente fin dal primo giorno di assenza del titolare (questa possibilità non deve valere solo per gli eventuali supplenti nominati per l’emergenza COVID).

Tantissime segreterie sono senza direttore dei servizi, il concorso per queste figure ha coperto solo 1.100 posti sui 3.378 disponibili. Va risolta questa annosa questione facendo subito il concorso riservato ai Facenti Funzioni DSGA con tre anni di incarico.

I numerosi errori contenuti nelle nuove graduatorie per le supplenze (GPS) stanno mettendo a dura prova la tenuta dell’intero sistema, anche per l’indisponibilità del MI a correggerli centralmente invece di scaricare quest’onere, in un periodo di per sé complicato, sugli uffici territoriali e sulle scuole.

Mancano le disposizioni per utilizzare i “lavoratori fragili” anche laddove emergesse l’esigenza di mettere in quarantena il personale. Il Ministero batta un colpo e concordi per via contrattuale questa materia, come da impegno preso nel protocollo sulla sicurezza del 6 agosto scorso.

Occorrono misure rapide ed efficaci e relazioni sindacali costanti e corrette. Se è vero che la riapertura delle scuole in presenza e in sicurezza è la priorità delle priorità per il Paese, serve un’assunzione di responsabilità da parte del governo nel suo complesso per affrontare e risolvere questi problemi aperti.

 

Decreto dirigenziale di surroga Componente RSU d’Istituto

 

Fed. Gilda-Unams/SNADIR Lombardia - Foglio notizie - Numero 13 - settembre 2020

 

USB Scuola: Presentazione del libretto "Sicuri, A Scuola"

Rete Iside, insieme all’Unione Sindacale di Base e all’organizzazione studentesca OSA – Opposizione Studentesca d’Alternativa presenta oggi, 7 settembre 2020, alle ore 16.30, l'instant book "Sicuri, a scuola. Diritti e sicurezza ai tempi del Covid19". Sarà possibile seguire la presentazione online sul sito scuola.usb.it, sulla pagina facebook USB P.I. - Scuola e sul canale Youtube USB Scuola, interagendo con i relatori attraverso messaggi di testo.

Il testo che verrà presentato è articolato in due parti.

Nella prima parte dell’Ebook, intitolata “Formare un mondo diverso”, affrontiamo i problemi delle categorie specifiche dei lavoratori della scuola, quali i docenti e gli ATA, ma anche di differenti tipologie scolastiche, come quella che far riferimento a bambine e bambini da zero a sei anni, così come il tema dell’edilizia scolastica, le problematiche della didattica a distanza e dell’alternanza scuola-lavoro, oggi PCTO (percorso per le competenze trasversali e per l’orientamento).

Nella seconda parte, invece, presentiamo un vademecum sulla sicurezza intitolato “Come difendersi dal Covid” rivolto soprattutto ai lavoratori, sul come evitare il rischio contagi, curato da lavoroinsicurezza.org. In particolare indichaimo quali siano le misure strutturali ed organizzative più efficaci, quelle igienico-sanitarie, quali i DPI più indicati, in particolare per le vie respiratorie ed, infine, le norme di sicurezza base in caso di Didattica a Distanza Integrata. Questo a partire dalle norme in vigore, ma anche con l'idea di spingere per una loro maggiore rigorosità

“Sicuri, a scuola. Diritti e sicurezza ai tempi del Covid19” è disponibile in formato Epub in vari store online: Amazon; Bookrepublic Store; Giunti al punto; Kobo; Libraccio; Libreria Coop; Tolino-IBS.

 

Ricordiamo che alla sezione dedicata a lavorinsicurezza.org del nostro sito è attivo il servizio a domanda risposta presso il quale gli utenti possono porre i loro interrogativi riguardo la sicurezza sui luoghi di lavoro, nello specifico di questo caso la scuola, consultando anche quelle fatte da altri.

Scarica - icona

 

Appunti Flc n°51 del 05/09/2020

In questo numero speciale si parla di:

1.  Siamo in attesa della pubblicazione delle date di convocazione per le assegnazioni da GPS .

Molto probabile, a differenza di quanto detto in precedenza, che le convocazioni si svolgano in presenza

    Vi chiediamo di controllare frequentemente il sito web dell’USP di Mantova

 2.   Nota Capo Dipartimenti MI: valutazioni punteggi GPS

 3. Sedi di assegnazioni sedi lontane nelle Immissioni a tempo indeterminato:

      iniziativa Unitaria delle OS regionali

 4.  Comunicato FLC Lombardia: scuole senza docenti

 5.  Manifestazione nazionale priorità alla scuola"        

 Chiuso in redazione alle ore 11:59

 

Cordialmente

Flc Cgil Mantova

 

Appunti Flc n°50 del 03/09/2020

 

Scuola: il nostro fascicolo di avvio anno scolastico 2020/2021

L’anno scolastico 2020/2021 parte tra molte e inedite difficoltà: la riapertura delle scuole in presenza, con l’incognita di una possibile nuova diffusione del contagio da Covid-19, rende problematiche le operazioni di avvio dell’anno scolastico.

Scarica il fascicolo

Certamente, come FLC CGIL, abbiamo più volte ribadito che riteniamo estremamente povero e diseguale il modello di didattica che si è dovuto realizzare a distanza durante i lunghi mesi di chiusura che hanno attraversato l’anno scolastico 2019/2020. Tantissimi studenti sono rimasti esclusi da qualsiasi forma di apprendimento scolastico, soprattutto i più deboli, coloro che per diversi motivi non ricevono supporto dall’ambiente familiare e territoriale, supporto economico, sociale o culturale; coloro che, in ragione della fascia d’età o delle diverse abilità, non sono in condizione di accedere agli strumenti informatici. Abbiamo sostenuto, pertanto, la necessità della scuola in presenza in condizioni di sicurezza.

Da subito abbiamo dato disponibilità, come è accaduto per gli esami di Stato, a confrontarci per individuare una cornice che servisse a tradurre nelle scuole le linee guida del CTS e abbiamo sottoscritto il protocollo d’intesa nazionale sulla sicurezza per garantire l’avvio dell’anno scolastico; il protocollo però non è un passepartout per riaprire le scuole, sono necessari ulteriori provvedimenti di legge ad hoc, di cui sollecitiamo l’urgente predisposizione, con un significativo cambio di rotta rispetto alle politiche di tagli che hanno attraversato la scuola.

Il nostro fascicolo di inizio anno si propone di fornire a docenti, dirigenti e personale ATA, che insieme danno forza alla comunità educante, un essenziale strumento di orientamento tra le principali novità normative che accompagneranno la scuola in questa fase complicata e difficile.

Come sempre, siamo al fianco dei lavoratori della scuola per sostenere una istituzione centrale per la tenuta democratica del nostro Paese, a tutela del diritto fondamentale all’istruzione, che la nostra Costituzione assegna al sistema scolastico.

Francesco Sinopoli

Segretario generale FLC CGIL