Dicono di noi

Giugno 2020

Le voci del Galilei tra lockdown e didattica on line

Un servizio di TeleMantova sulla Didattica a Distanza e il lockdown: riflessioni di studenti e docenti

 

 

Aprile 2020

L’ORA ROSSA – LA DIRIGENTE DEL GALILEI DI OSTIGLIA LUCIA SCOLARO A RADIO 5.9: “SCUOLA RAFFORZI IL PROPRIO RUOLO DI AGENZIA EDUCATIVA. IMPORTANTI GLI STRUMENTI DEDICATI ALLA DIDATTICA A DISTANZA”

A “L’Ora Rossa” di questa sera è intervenuta la professoressa Lucia Scolaro, dirigente dell’Istituto Galileo Galilei di Ostiglia, in provincia di Mantova, per un approfondimento sulle sfide affrontate dal mondo della scuola in questi giorni difficili:

“La crisi pandemica ha colto tutti di sorpresa, anche chi, come il nostro Istituto, è riuscito a convertire in tempi celeri gran parte della didattica in modalità online. A due mesi di distanza, dall’inizio del lockdown, la didattica a distanza è divenuta la via per offrire il proseguo del percorso formativo ai nostri studenti, una sfida difficile ma che per ora ci vede soddisfatti dei risultati. 

La collaborazione con LTO, Laboratorio Territoriale per l’Occupabilità, è costante e importante per noi. Stiamo lavorando per rendere la nostra “Officina Galilei” un laboratorio diffuso che possa integrarsi al nostro territorio, vicina alla collettività e alle imprese. Stiamo lavorando sulla robotica e l’innovazione, tutto questo sarà importantissimo visto anche le sfide che si presenteranno nel futuro prossimo.

Da non sottovalutare il ruolo sociale della scuola: partendo dal presupposto che non sarà possibile tornare alla vita di prima, dobbiamo iniziare a formare, specialmente le nuove generazioni, ai cambiamenti verso i quali la nostra società andrà incontro. Non va perso, da parte della scuola, il suo ruolo di “agenzia educativa”, con lo spirito di non lasciare nessuno da solo. Stiamo studiando nuovi spazi di socializzazione, tra cui anche la creazione di una web radio in grado di mettere in contatto, attraverso rubriche e approfondimenti, tanti studenti e personalità del mondo imprenditoriale, sociale e culturale.” 

Ogni giorno alle ore 19.00 e la domenica alle ore 15.00 “L’Ora Rossa” vi terrà aggiornati sulle novità riguardanti l’emergenza dando voce ad amministratori locali, medici, imprenditori e giornalisti che ci racconteranno, da tutte le parti d’Italia, ciò che stanno affrontando in questo momento.

Clicca qui per approfondire

_________________________________________________________________________________

Da Il Diario Metropolitano del 4 aprile 2020

Da Milazzo ad Ostiglia. Con gli studenti per aiutare gli ospedali di Brescia e della Lombardia.

Lucia Scolaro, dirigente dell'Istituto Galilei di Ostiglia (Provincia di Mantova) , non ha avuto dubbi ed ha puntato, insieme al corpo docenti ed agli alunni della scuola, ad utilizzare il Fab Lab del laboratorio per provare a stampare in 3D delle valvole per i respiratori da maschere snorkeling di Decathlon (progetto Isinnova). Lucia, milazzese, da appena alcuni mesi al Nord si è trovata catapultata in mezzo all'emergenza Coronavirus ed è rimasta a scuola per aiutare gli Ospedali della LOmbardia totalmente intasati da malati a causa del Coronavirus. 
Con la stampante 3D Ultimaker 3  in forza all'officina scolastica, tutti al lavoro per stampare le due valvole (progettate dagli ingegneri della startup bresciana Isinnova) necessarie a trasformare una maschera da snorkeling in un respiratore.
 I file stl, liberamente scaricabili dalla rete, importati direttamente dal software Cura, Un procedimento iniziato con il settaggio di alcuni parametri e dopo aver orientato opportunamente i pezzi nello spazio.  
 Un procedimento che è stato di grande aiuto e continua ad esserlo e che ha creato tra vari Istituti scolastici della Lombardia, una catena di solidarietà per aiutare le strutture ospedaliere a cercare di salvare più vite umane possibili. 
 

 

Coronavirus, maschere da sub per respirare. I kit mantovani al Borgo Roma 

Da La gazzetta di Mantova del 04 Aprile 2020
 
Perché Verona? Perché queste maschere reingegnerizzate non sono compatibili con i ventilatori meccanici utilizzati al Poma
 
MANTOVA. Sono un pugno d’appassionati d’informatica ed elettronica, al servizio della condivisione del sapere attraverso la piattaforma Arduino. E anche all’emergenza coronavirus hanno risposto con lo spirito del mutualismo, tirando fuori dal cilindro dell’inventiva un kit sperimentale per trasformare le maschere da immersione di Decathlon in respiratori ospedalieri. Così il gruppo Augman, che ha il suo quartier generale alla Casamatta di via Conciliazione.
 
«Già dai primissimi momenti dell’emergenza ci siamo chiesti come avremmo potuto aiutare – riferisce Pierluigi Luisi, prof d’informatica al Galilei di Ostiglia, presidente di Augman e consigliere di Potere al popolo a San Giorgio Bigarello – Abbiamo saputo del progetto di Isinnova (team d’inventori e artigiani digitali di Brescia, ndr) che consiste nella trasformazione di maschere subacquee in respiratori collegabili alla rete ospedaliera dell’ossigeno».
 
Progetto che Augman è riuscito pure a migliorare, riducendo i tempi di stampa in 3D insieme alla resistenza, la dimensione e la praticità dei pezzi necessari alla trasformazione. I primi kit sperimentali sono stati quindi consegnati all’ospedale Borgo Roma, attraverso il dottor Andrea Dalbeni, pure lui consigliere comunale a San Giorgio Bigarello. Perché Verona? Perché queste maschere reingegnerizzate non sono compatibili con i ventilatori meccanici utilizzati al Poma. «Ma siamo in contatto con l’ospedale di Mantova per la fornitura di visiere» per schermare chi opera nei reparti Covid, anticipa Luisi. Ribadendo: «Augman è a disposizione e può mettere a disposizione le proprie competenze per aiutare gli operatori del servizio sanitario nazionale nella gestione dell’emergenza». Parola d’ordine: “condivisione”.
 

 

 

Marzo 2020

Da La Gazzetta di Mantova del 26 marzo 2020

 

Samsung insegna online ai ragazzi del liceo Galilei

Pomeriggio lezione a distanza sul problem solving partendo dalle difficoltà che si stanno affrontando  in questi giorni di isolamento

 

OSTIGLIA. È andato in scena ieri, 26 marzo, il corso di formazione digitale in e-learning organizzato da Samsung per il liceo scientifico Galileo Galilei.

Dopo il successo delle attività di smart learning organizzate da Samsung con le scuole superiori di Lodi, Varese, Monza Brianza e Roma che hanno visto nelle ultime tre settimane la partecipazione di oltre 300 studenti e docenti, l’azienda ha dato il via a un corso per i ragazzi dell’istituto di Ostiglia.

Ieri pomeriggio, dalle 14.30 alle 16.30, gli studenti del liceo scientifico sono stati coinvolti in un percorso di educazione digitale sul tema del problem solving a cura di un team di dipendenti di Samsung Electronics Italia, collegati da remoto.

L’obiettivo del percorso didattico: sviluppare l’attitudine creativa a risolvere problemi, incoraggiando gli studenti a elaborare, grazie anche alla tecnologia, idee e soluzioni che affrontino questioni sociali.

Attraverso una serie di esercizi di gruppo, gli studenti sono stati stimolati a identificare le principali problematiche emerse dal vivere “a distanza”, un’esperienza che stiamo tutti vivendo in questi giorni, e sono stati guidati attraverso strumenti di problem solving verso l’ideazione di soluzioni innovative.

«Vogliamo dare competenze trasversali - spiegano da Samsung - L’attivazione di progetti di formazione digitale parte da una domanda: come possiamo aiutare nel concreto la comunità di studenti che in questo momento si trova costretta a casa, e come la tecnologia può in qualche modo supportare questi ragazzi dando loro, per quanto possibile, una parvenza di normalità? Per questo abbiamo pensato che la cosa più semplice fosse permettere loro di condividere le loro esperienze e coinvolgerli in un percorso di didattica alternativa facendo leva sull’entusiasmo dei nostri giovani dipendenti e il grande spirito collaborativo che abbiamo riscontrato da parte del corpo docente delle scuole coinvolte».

 

Per leggere l'articolo clicca qui

 

__________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

 

Coronavirus: nelle scuola mantovane parte la didattica online - Altomantovanonews.it, 2 marzo 2020

Febbraio 2020

L'Istituto Galilei apre un museo interattivo. E' dedicato al cinema - Gazzetta di Mantova, febbraio 2020

 

"Costruire nel presente, guardando al futuro" - Sermidiana, febbraio 2020

 

Gennaio 2020 

"Il Galilei miglior liceo per le Scienze Applicate" - Gazzetta di Mantova, 23 gennaio 2020

 

"Confronto tra studenti e Carabinieri all'Istituto superiore Galilei di Ostiglia" - Il Giornale di Mantova, 28 gennaio 2020

Dicembre 2019 

"Progetto al Galilei" - un centro d'ascolto per battere l'omertà - Gazzetta di Mantova, 05 dicembre 2019

Novembre 2019 

Primo grande OpenDay al Galilei di Ostiglia - L'Ettore 

 

Intervista alla Dirigente Dott.ssa Lucia Scolaro - Sermidiana

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.